CONFINDUSTRIA Avellino CF 80004630648 tel 0825-785511

  • Decrease font size
  • Default font size
  • Increase font size
  • default color
  • red color
  • green color
Messaggio
  • Informativa utilizzo cookies

    Questo sito fa uso di cookie, i cookie consentono una gamma di funzionalita' che migliorano la tua fruizione del sito. Utilizzando il sito, si accetta l'uso dei cookie conformemente alle nostre linee guida.

    visualizza l'informativa completa

CLASSIFICAZIONE RIFIUTI. CONVERSIONE IN LEGGE D.L. 91/2017 PDF Stampa E-mail
Venerdì 08 Settembre 2017 12:10

Avellino, 8 Settembre 2017

OGGETTO: CLASSIFICAZIONE RIFIUTI. CONVERSIONE IN LEGGE D.L. 91/2017

Facciamo seguito alla nostra precedente comunicazione per segnalare che il Decreto in oggetto è stato convertito, con modificazioni, dalla Legge n. 123 del 3 agosto, pubblicata nella Serie Generale n. 188 della Gazzetta Ufficiale del 12/08/2017.

In particolare, il Parlamento ha ritenuto di confermare la disposizione in materia di classificazione (attraverso la modifica alla premessa dell'allegato D alla Parte IV del D.Lgs. 152/06), con l'obiettivo di allineare la procedura nazionale alla normativa di riferimento a livello comunitario. Di conseguenza, non sono da prendere in considerazione le restanti parti dell'allegato D, laddove eventualmente incompatibili con la disciplina europea.

Nel testo della norma approvata in sede di conversione è stato aggiunto il riferimento al Regolamento (UE) 2017/997 dell’9 giugno 2017 relativo alle caratteristiche di ecotossicità HP14 dei rifiuti.

L’Italia dal 2012, ha stabilito che la caratteristica di pericolo HP 14 deve essere attribuita ai rifiuti applicando i criteri fissati dall'Accord Dangereuses Route (ADR) (l'accordo europeo relativo ai trasporti internazionali di merci pericolose su strada) per le materie della Classe 9 con codice di classificazione M6 (UN 3082 materie pericolose per l'ambiente acquatico, liquide) e M7 (UN3077 Materie pericolose per l'ambiente acquatico, solide).

 I nuovi criteri di classificazione contenuti nel Regolamento UE 2017/997 entreranno in vigore a partire dal 5 luglio 2018. La Commissione Europea ha predisposto un periodo transitorio in modo tale da concedere agli Operatori le tempistiche adeguate per conformarsi alle nuove regole. Durante tale periodo in Italia rimarrà valido il riferimento all'Accordo ADR per le modalità di classificazione dei rifiuti ecotossici.

Riportiamo di seguito il testo della nuova formulazioe dell’Art. 9:

Misure urgenti ambientali in materia di classificazione dei rifiuti
I numeri da 1  a  7  della  parte  premessa  all'introduzione dell'allegato D alla parte IV del decreto legislativo 3 aprile  2006,
n. 152, sono sostituiti dal seguente:
  «1. La classificazione dei rifiuti  e'  effettuata  dal  produttore assegnando  ad  essi  il  competente  codice  CER  ed  applicando  le disposizioni contenute nella decisione 2014/955/UE e nel  regolamento (UE) n. 1357/2014 della Commissione, del 18  dicembre  2014,  nonche' nel regolamento (UE) 2017/997 del Consiglio, dell'8 giugno 2017.».


Distinti saluti.

   IL DIRETTORE
Dr. Giacinto Maioli