CONFINDUSTRIA Avellino CF 80004630648 tel 0825-785511

  • Decrease font size
  • Default font size
  • Increase font size
  • default color
  • red color
  • green color
Messaggio
  • Informativa utilizzo cookies

    Questo sito fa uso di cookie, i cookie consentono una gamma di funzionalita' che migliorano la tua fruizione del sito. Utilizzando il sito, si accetta l'uso dei cookie conformemente alle nostre linee guida.

    visualizza l'informativa completa

Benvenuto in Confindustria Avellino
ACCORDO CONFINDUSTRIA AVELLINO – BANCO DI NAPOLI PDF Stampa E-mail
Lunedì 28 Febbraio 2011 12:13

ALLE AZIENDE ASSOCIATE
LORO SEDI

Prot n. II/455 /11
Avellino 28 febbraio 2011

OGGETTO: ACCORDO CONFINDUSTRIA AVELLINO – BANCO DI NAPOLI.

Vi informiamo che è stato sottoscritto Martedi 22 febbraio 2011 presso la nostra sede l’accordo tra Confindustria Avellino e il Banco di Napoli SpA “Crescere Insieme alle Imprese” alla presenza del Presidente Sabino Basso e il Direttore Generale dell’Istituto Giuseppe Castagna.

L’accordo provinciale recepisce integralmente l’accordo sottoscritto a livello nazionale da Confindustria Piccola Industria e Intesa Sanpaolo finalizzato ad affrontare il  difficile contesto economico mediante la definizione di prodotti e iniziative volti a soddisfare il fabbisogno di liquidità delle imprese e a favorire l’avvio di programmi di ricapitalizzazione.

Nel rimandare al testo dell’accordo che alleghiamo in formato elettronico, evidenziamo come siano state confermate le misure previste dal precedente accordo del 2009 ed inseriti nuovi ed interessanti prodotti che le sole aziende associate a Confindustria potranno attivare tramite la rete degli sportelli Intesa Sanpaolo – Banco di Napoli.

L’intesa, dunque, conferma  la linea di credito aggiuntiva per la gestione degli insoluti e il pagamento dei fornitori, i programmi di ricapitalizzazione per il rafforzamento patrimoniale, l’allungamento fino a 270 giorni delle scadenze a breve termine e il rinvio rate su mutui e leasing.

Inoltre mette a disposizione 10 miliardi di euro di plafond, a livello nazionale (800 milioni per la Campania) specificamente destinati a interventi e investimenti nei tre ambiti strategici individuati da Piccola Industria e Intesa Sanpaolo per rilanciare la competitività delle aziende italiane: Internazionalizzazione, Innovazione e Crescita Dimensionale.
L’accordo mette a disposizione gratuitamente per i soli associati un nuovo strumento diagnostico e di simulazione studiato dall’Istituto per agevolare il dialogo tra clienti e banca e per valutare la bancabilità di aziende e progetti anche alla luce dei requisiti di Basilea.
Il “Modello diagnostico” – compilabile on line e già disponibile sul sito Internet WWW.CONFINDUSTRIA.IT comprende informazioni di carattere economico e finanziario nonché informazioni qualitative.

Il modello consente di ottenere un quadro dei punti di forza e di debolezza dell’impresa che utilizza il sistema diagnostico, attraverso il quale, in un rapporto di collaborazione con la banca, identificare le migliori strategie di crescita da perseguire.

In termini operativi, le imprese del sistema potranno accedere al modello direttamente dalla home page di Confindustria.it (banner “Crescere Insieme alle Imprese”) utilizzando una user id e una password che dovrà essere rilasciata dai nostri Uffici (Tel. 0825 785512 email Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. ).
Infine sulla base delle intese intercorse tra il Presidente Basso e il Direttore Generale Castagna   sarà attivato uno sportello di consulenza presso la sede di Confindustria Avellino specificamente dedicato ad illustrare, alle imprese che ne faranno richiesta, tutti i vantaggi dell’accordo; sarà nostra cura informarVi del calendario degli incontri con i referenti del Banco di Napoli.

Distinti saluti.

  IL DIRETTORE
Dr. Giacinto Maioli

 

Ultimo aggiornamento Martedì 01 Marzo 2011 08:54
 
DETASSAZIONE - CHIARIMENTI DELL'AGENZIA DELLE ENTRATE E DEL MINISTERO DEL LAVORO SUL REGIME APPLICABILE PER L'ANNO 2011 PDF Stampa E-mail
Mercoledì 23 Febbraio 2011 18:11

 

ALLE AZIENDE ASSOCIATE
LORO SEDI

Prot. n. I/422 /11
Avellino, 23 febbraio 2010

OGGETTO: DETASSAZIONE - CHIARIMENTI DELL'AGENZIA DELLE ENTRATE E DEL MINISTERO DEL LAVORO SUL REGIME APPLICABILE PER L'ANNO 2011

Inviamo  la circolare congiunta dell'Agenzia delle Entrate e del Ministero del lavoro e delle politiche sociali n. 3/E, datata 14 febbraio 2010, avente per oggetto ulteriori chiarimenti sulla detassazione delle componenti della retribuzione collegate a incrementi di produttività (cosiddetto salario di produttività).

Riservandoci di inviarvi in seguito un commento organico, richiamiamo l'attenzione sul fatto che nell'interpretazione dell'Agenzia e del Ministero, rientrano nell'agevolazione solo le somme erogate nell'ambito di "accordi o contratti collettivi territoriali o aziendali". La circolare però precisa che sono considerati utili gli accordi  "anche preesistenti alla entrata in vigore della novella legislativa purché in corso di efficacia".
 
Viene specificato che gli accordi territoriali possono essere anche accordi quadro, cioè validi per una pluralità di settori. Ulteriore motivo di interesse è che la circolare ammette la possibilità che gli accordi territoriali "quadro" o aziendali possono disciplinare la materia recependo i contenuti dei contratti collettivi nazionali di riferimento quanto ad istituti come, ad esempio, lo straordinario, i turni, il lavoro notturno.
 
Un'altra indicazione che dovrebbe facilitare la fruibilità dell'agevolazione è che, nel caso di previsioni contrattuali che riguardano modalità di organizzazione del lavoro (come, appunto, lo straordinario, i turni, il lavoro notturno), non è necessario che nell'accordo o nel contratto collettivo sia espressamente dichiarato che le somme corrisposte sono finalizzate a incrementi di produttività. 
 

 

La circolare infine conferma che ai fini della applicazione della imposta sostitutiva è condizione sufficiente l’attestazione nel CUD, che le somme sono correlate "a incrementi di produttività, qualità, redditività, innovazione, efficienza organizzativa, in relazione a risultati riferibili all’andamento economico o agli utili della impresa o ad ogni altro elemento rilevante ai fini del miglioramento della competitività aziendale" e che esse siano state erogate in attuazione di uno specifico accordo o contratto collettivo "della cui esistenza il datore di lavoro, su richiesta, dovrà fornire prova".


Distinti saluti.

   IL DIRETTORE
Dr. Giacinto Maioli

All.c.s.
Circolare n.3/E

Ultimo aggiornamento Martedì 01 Marzo 2011 08:53
 
RASSEGNA STAMPA 25.02.2011 PDF Stampa E-mail
Venerdì 25 Febbraio 2011 10:09

RASSEGNA STAMPA 25.02.2011

 
RASSEGNA STAMPA 24.02.2011 PDF Stampa E-mail
Giovedì 24 Febbraio 2011 10:40
RASSEGNA STAMPA 24.02.2011
 
RASSEGNA STAMPA LOCALE 23 FEBBRAIO 2011 PDF Stampa E-mail
Mercoledì 23 Febbraio 2011 09:30

 

 

RASSEGNA STAMPA LOCALE 23 FEBBRAIO 2011

 
<< Inizio < Prec. 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 Succ. > Fine >>

Pagina 414 di 430